PASSIO CHRISTI ”ANGELUS NOVUS” …una narrazione in forma di musica – SERRA PETRULLO ”ANGELUS NOVUS” Ruvo di Puglia

PASSIO CHRISTI ”ANGELUS NOVUS” …una narrazione in forma di musica – SERRA PETRULLO ”ANGELUS NOVUS” Ruvo di Puglia

17 Apr 2019 - 19:30 - Contrada Serra Petrullo - Ruvo di Puglia

FONDAZIONE ”ANGELO CESAREO”

 

                                                    SERRA PETRULLO ”ANGELUS NOVUS”

                                                                     RUVO DI PUGLIA

                                                    PASSIO CHRISTI ”ANGELUS NOVUS”

                                                     una narrazione in forma di musica

 

C’è un’altura nell’area premurgiana, nei  pressi di Ruvo di Puglia, un picco di altopiano, da cui si apre una straordinaria visione paesaggistica sulla città e sul territorio, un’altura su cui, su una nuda pietraia di fronte al casale e ai venti che soffiano dal Castel del Monte, con le spalle rivolte al paese, è collocato uno strano ”Angelus Novus” di pietre e grossi, antichi  sassi.

 C’è una serra, Serra Petrullo, sede della Fondazione ”Angelo Cesareo”, in cui, tra diffusi elementi di architettura rurale e piante mediterranee, mandorli e ulivi, si svolgerà, il 17 aprile, mercoledì santo, dalle prime ore della sera, una ”Passio Christi Angelus Novus”.

Immaginata, dalla ”Fondazione”, come un’altra ”peregrinatio”, dal basso verso l’alto della Serra, la ”Passio” procederà e si muoverà per sei stazioni, ognuna collocata in un significativo e differente luogo dell’ampia area. Ad una inziale breve lettura di versi del Vangelo di Matteo, da parte anche di soggetti delle nostre marginalità, ogni stazione sarà, quindi, interpretata con uno o due strumenti musicali, e idealmente legata all’altra da suoni narranti di una giovanissima flautista(Rosalinda Balducci), visione e sguardo, sulla Passione, della figura dell’ Angelus Novus.

Dall’ultima cena, situata in un recinto aperto di Serra Petrullo, interpreta dal violoncellista Antonio Cavallo, al Getsemani, posto in un podere di ulivi, col violinista Alfonso Mastrapasqua e il flautista Vincenzo Mastropirro, alla stazione del processo del Cristo da parte del potere, posta su un muretto a secco, ed espressa con viola e flauti, all’episodio di Gesù di fronte alla folla, su una pietraia, e suggerito con le percussioni di Antonio Dambrosio e col flautino di Mastropirro, la narrazione giungerà al Golgota e alla Crocifissione, ai piedi del casale ottocentesco, interpretata ed evocata, attraverso le  musiche per arpa e canti popolari, da Daniela Ippolito. Nell’ultima stazione, il Sepolcro, collocato in un’aia con trulletto, si convocheranno, come in una liturgica orchestrina, tutti gli interpreti.

Musiche di Bach e Vivaldi, contrappunti in forma d’improvvisazioni, canti popolari, segneranno quella narrazione evangelica in musica.

L’evento della ”Passio” vivrà nelle suggestioni di un paesaggio di luci e ombre, di lanterne e falò. Vivrà, soprattutto, del silenzio dei luoghi e dei suoni.

Gli scout Agesci, preceduti dall’angelo con flauto, si faranno discrete guida, agli spettatori, di quella ”peregrinatio”.

Brevissimi annunci video, precedentemente collocati sulla relativa nostra pagina facebook, ne prefigureranno le sue cifre costitutive, altre possibili suggestioni ed interpretazioni.

Solo su invito e iscrizioni, si concorderà la partecipazione dei cittadini, per un limitato numero di presenze.

 

Info: fondazioneangelocesareo@gmail.com

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML Valido
Sito creato da Francesco Catino