Poesia

MASTROPIRRO COP fronte

Timbe-condra-Timbe (Tempo-contro-Tempo) Collana AltreLingue puntoacapo editore (Novi Ligure 2016)

 

Notturni – TerreSommerse edizioni Roma 2017

Nudosceno Faloppio (Co), LietoColle Editore Collana Erato 2007

Tretìppe e Martìdde. Questo e quest’altro, Roma, Giulio Perrone Editore – Divisione LAB, collana “Uranò”, 2009

A.A.V.V. PUGLIAMONDO, Edizioni ACCADEMIA di TERRA d’ OTRANTO – NEOBAR 2010

AA.VV. – “Guardando per terra – Voci della poesia contemporanea in dialetto a cura di Piero Marelli LietoColle – Collana Aretusa 2011

AA.VV. Materia Pirima 13 poeti a cura di Letizia Leone – Giulio Perrone Roma 2012

 Poesia sparse e sparpagghiote - Poesia sparsa e sparpagliata CFR edizioni - Sondrio 2013

Poesia sparse e sparpagghiote – Poesia sparsa e sparpagliata CFR edizioni – Sondrio 2013

Tretippe e Martidde 2.0 SECOP edizioni Corato (Ba) 2015

Tretippe e Martidde 2.0
SECOP edizioni Corato (Ba) 2015

 Con la stessa voce Antologia di poeti dialettali traduttori Lietocolle editore Faloppio (Co) 2015


Con la stessa voce
Antologia di poeti dialettali traduttori
Lietocolle editore Faloppio (Co) 2015

Leggi le recensioni

  • A Settembre 2015 gli viene assegnato il PREMIO LERICI/PEA 2015 – Sezione poesia dialettale “Paolo Bertolani”.
    Un premio storico e di grande prestigio nel panorama letterario nazionale e internazionale. 

I premiati 2015:

“Premio alla Carriera” – lo scrittore e poeta marocchino Tahar Ben Jalloun
“Premio Poeta Europeo” – il poeta Giuseppe Conte
“Premio Libro Edito” – il poeta Mauro Macario
“Premio Paolo Bertolani” poesia in dialetto – il poeta Vincenzo Mastropirro. 

 Il Premio Lerici Pea 2015 si tiene a Villa Marigola – Lerici (La Spezia)

Scrive poesie

Alcune selezionate per concorso, sono state pubblicate su riviste e antologie nazionali Giulio Perrone ed. Roma, Lietocolle ed. Faloppio (Co), Pagine ed. Roma, Aletti ed. Roma, Le voci della luna ed. Milano, Edizioni Scientifiche Italiane ed. Napoli, Periferie (Rm) ecc.

    Premi letterari

  • 1° premio Poesia Mezzago Arte Milano 2007 sez. dialetto;
  • 3° premio “Poesia onesta” 2007 con la breve silloge in dialetto Tretippe & Martidde Agugliano (An);
  • Finalista al Concorso di poesia indetto dalla Fondazione Gerardino Romano di Telese (Bn)2007;
  • Segnalato al Concorso di poesia in dialetto 2007 Città di Castrovillari (Cs);
  • Segnalato al Premio Turoldo 2007 Sondrio;
  • Finalista al Premio letterario in dialetto “Giannone” di Ischitella (Fg) 2008;
  • Finalista al Concorso Gioacchino Belli Roma 2008;
  • 2° al Premio Turoldo 2008 Sondrio;
  • 3° al Premio Turoldo 2009 Sondrio;
  • Segnalazione speciale Premio Lorenzo Montano XXV ed. 2011  per il rapporto tra la Poesia e le Arti col libro CD DVD “La bambina cieca e la rosa sonora” testo Anna Maria Farabbi, musica Vincenzo Mastropirro, video Massimo Achilli;
  • Segnalazione al Premio Massa città fiabesca V ed. 2011 col libro Tretippe e Martidde;
  • 2° Premio Concorso “N. Piacente” sez. dialetto LibreriaSecopstore Corato (Ba) 2012;
  • 1° Premio Massa Città Fiabesca VI edizione sez. dialetto Massa 2012
  • 2° Premio Nazionale “Salva la tua lingua locale” Roma – Sezione speciale Autori SIAE Roma 2013
  • Menzione speciale Premio Lorenzo Montano XXVIII  Sez. Raccolta inedita  “A metà del guado” Verona 2014
  • 2° Premio POESIA ONESTA 2014 –  SEZ. B (SILLOGE in DIALETTO) Timbe au Timbe Falconara Marittima (An)
  • Finalista al Premio letterario in dialetto “Giannone” di Ischitella (Fg) 2015;
  • PREMIO LERICI/PEA 2015 – Sezione poesia in dialetto “Paolo Bertolani”
  • 1° Premio nella  Sezione Videopoesia, dedicata all’Anno Santo della misericordia, col video Niño – I bambini sono all’8° EDIZIONE PREMIO  INTERNAZIONALE DI POESIA DON LUIGI DI LIEGRO Roma 2016
  • Menzione speciale di merito con Medaglia d’onore per il libro: “Tretìppe e Martìdde 2.0” – SECOP Edizioni all’8° EDIZIONE PREMIO  INTERNAZIONALE DI POESIA DON LUIGI DI LIEGRO Roma 2016
  • 1° Premio POESIA ONESTA 2016 –  SEZ. B (SILLOGE in DIALETTO) Notturni masticati (nella mia lingua) Falconara Marittima (An)
  • Finalista Premio Letterario Città di Sassari 2107 Sez A (libro edito) col libro Notturni ed TerreSommerse

Ha pubblicato:

  • Nudosceno – LietoColle ed. Faloppio (Co) 2007;
  • Tretippe e Martidde (Questo e Quest’altro) ed. PerroneLab  Roma 2009;
  • AA.VV. Pugliamondo Edizioni ACCADEMIA di TERRA d’ OTRANTO – NEOBAR 2010;
  • AA.VV. – Guardando per terra – Voci della poesia contemporanea in dialetto a cura di Piero Marelli LietoColle – Collana Aretusa 2011
  • AA.VV. Materia Prima – 13 Poeti a cura di Letizia Leone – Giulio Perrone ed. Roma 2012
  • Poèsìa sparse e sparpagghiote(Poesia sparsa e sparpagliata) ed. CFR Piateda (So) 2013
  • AA.VV. L’Italia a pezzi – Antologia di poeti italiani in dialetto a cura di M. Cohen, V. Cuccaroni, G. Nava, R. Renzi, C. Sinicco, Ed. Gwynplaine Ancona 2014
  • Con la stessa voce – Antologia di poeti dialettali traduttori
    Lietocolle editore Faloppio (Co) 2015
  • Tretippe e Martidde 2.0 SECOP edizioni Corato (Ba) 2015
  • Timbe-condra-Timbe (Tempo -contro-Tempo) – puntoacapo editore Novi Ligure 2016
  • Notturni – TerreSommerse edizioni Roma 2017

*************************************************

Poesie di Vincenzo Mastropirro

 Note per la lettura

Il dialetto è quello parlato a Ruvo di Puglia, in provincia di Bari.

Le e senza accento si leggono alla francese, cioè mute, escluso le e con accento grave o acuto e le congiunzioni.

Gli accenti sulle altre vocali servono per facilitare la lettura.

 

 

U cappidde de capestazione

 

Facime atténziòne

a chire ca portene u cappidde de capestazione.

 

Ci fosce partì trène ca nan onna partèje

e fermò trène ca nan s’onna fermò,

so capestazione fasulle.

 

…e so assè! Inde a cusse munne, so assè.

 

Se mèttene u cappidde russe ‘ngope,

u fresckètte ‘muocche e la palètta ‘mmone

e se permèttene de scequò cu la vite de l’alte

sènza capì nudde e sènza sapaje nudde

de le trène ca s’onna éfféttivamènde fermò

e de chire ca onna partì addavère.

 Il cappello di capostazione

Facciamo attenzione/ a quelli che portano il cappello di capostazione.// Chi fa partire treni che non devono partire/ e fermare treni che non si devono fermare,/ sono capistazione fasulli.// …e sono tanti! In questo mondo sono tanti.// Si mettono il cappello rosso in testa,/ il fischietto in bocca e la paletta in mano/ e si permettono di giocare con la vita degli altri/ senza capire niente e senza sapere niente/ dei treni che si devono effettivamente fermare/ e quelli che devono partire davvero.

 da Poésìa sparse e sparpagghjote (CFR edizioni, Piateda 2013)

***
Sotte u tacche du stevole

 

Ce me sbattene cume nu puolpe

saupe a nu scoglie de more

u core s’arrizze e maine sanghe

 

sanghe russe, sanghe vèive

sanghe de zappatiure, sanghe de marenore

 

sanghe ca u sanghe, u omme scettote addavère

pe’ sendisse dèisce po’ ca nan si bbune a nudde

ca stè lendone da stu munne

nu munne ‘ncartote de suolde

nu munne ca te desprìézze.

 

Nan è ad-acchessèje,

omme note dò e dò ne stome

almène èje stoche dò

sotte u tacche du stevole

 

fisse, chiandote ‘ndìérre,

sèmbe prònde ad allenguò radèisce

u cchiù affunne possibele.

 Sotto il tacco dello stivale

Se mi sbattono come un polpo/ su uno scoglio di mare/ il cuore si arriccia e butta sangue// sangue rosso, sangue vivo/ sangue di contadini, sangue di marinai// sangue che il sangue, l’abbiamo buttato davvero/ per sentirsi dire poi che non sei buono a niente/ che sei lontano da questo mondo/ un mondo incartato di soldi/ un mondo che ti disprezza.// Non è cosi,/ siamo nati qui e qui ci stiamo/ almeno io sto qui/ sotto il tacco dello stivale// fisso, piantato a terra,/ sempre pronto ad allungare radici/ le più profonde possibili.

da Poésìa sparse e sparpagghjote (CFR edizioni, Piateda 2013)

***

 …me disse:

“la poesia dialettale non la sopporto, non è niente.”

 

Pote ìésse, ma nan ce crède,

la poésèi è tutte e nudde

inde a totte re lingue du munne

e pure cu la maje, chère de Riuve

ma spécialmède chère de mamme

ca stè chiandote ‘ncope

avvetote cume nu pirne

stritte, affunne ed etìérne.

 …mi disse:/”la poesia dialettale non la sopporto, non è niente.”// Può essere, ma non ci credo,/ la poesia è tutto e niente/ in tutte le lingue del mondo/ e pure con la mia, quella di Ruvo/ ma specialmente quella di mamma/ che è piantata in testa/ avvitata come un perno/ stretto, profondo ed eterno.

 da Poésìa sparse e sparpagghjote (CFR edizioni, Piateda 2016

***

La saite

 

So apirte na saite

ed è scuòte u sanghe a gocce a guocce.

Ogn’e àscene pore na gocce de sofférìénze

ca la saite se sfùorze de tenaje ‘nzime.

 

A vedìélle da fore,

è tùoste, rùosse e aggarbòte

spaccaresciòte au punde giuste

cume u core ca ne sckatte ‘mbitte

pe’ chère ca sèime e chère ca petaime ìésse.

 La melagrana

Ho aperto una melagrana/ ed è scolato il sangue a goccia a goccia./ Ogni acino sembra una goccia di sofferenza/ che la melagrana si sforza di tenere insieme.// A vederla da fuori/ è dura, rossa e bellissima/ con crepe al punto giusto/ come il cuore che ci scoppia nel petto/ per quello che siamo e quello potevamo essere.

 da Timbe-condra-Timbe (puntoacapo editrice Novi Ligure 2016)

 ***

U sulche

 

Ogn’e iune allàsse e vole allassò u sulche.

 

Pote ìésse affùnne quanne vu ma,

u timbe, sòpe chère c’ova fò.

 

Chiòme u vinde ca sparnezzàisce la tìérre.

Chiòme l’ìérve ca crìésce inde a re ‘necchiàreche.

Chiòme l’acque ca ‘nfangàisce tutte.

 

Stè la prétèse de remanèje in étìérne

ma alla sciute, ne sciòme pe’ sìémbe

fine a quanne, u sulche c’allassòme,

s’apparàisce e devìénde tìérre de nescìune.

 

U timbe re sòpe e ne rire ‘mbacce.

 Il solco

Ognuno lascia e vuole lasciare il solco.// Può essere profondo quanto vuoi, ma/ il tempo sa quello che fa.// Chiama il vento che spazza la terra./ Chiama l’erba che cresce nell’incolto./ Chiama l’acqua che infanga tutto.// C’è la pretesa di rimanere in eterno/ ma all’andata, ce ne andiamo per sempre/ fino a quando, il solco che lasciamo,/ si appiattisce e diventa terra di nessuno.// Il Tempo lo sa e ci ride in faccia.

 da Timbe-condra-Timbe (puntoacapo editrice Novi Ligure 2016)

 ***

 U ardaspalle

 

U ardaspalle

arevuogghje aneme e curpe

ma cure ca faciaje mamme

rescaldaje pure u core

cure core ca me sckattaje ‘mbitte

assaliute a vedaje felò la lone.

 

Fèile e fèile calde, ca sfèrruzzajne colorote

e ‘mmìézze a re mone saue e l’arie s’agnaje d’ìédde.

Lo scialle

Lo scialle/ copre anima e corpo/ ma quello che faceva mamma/ riscaldava pure il cuore/ quel cuore che mi scoppiava nel petto/ solo a veder filare la lana.// Fili e fili caldi/ che sferruzzavano colorati/ tra le sue mani/ e l’aria si riempiva di lei.

 da Timbe-condra-Timbe (puntoacapo editrice Novi Ligure 2016)

 ***

 U fiàure de carte

 

Me vaite inde a nu fiàure de carte

fùorte e coloròte.

 

Stoche chiandòte inde a la tìérre

‘nanze a u tratìure d’attàneme

ca se sté a pisciò sòtte da re resòte.

 

L’addemànne: “peccè stè a rèire?”

ed idde la spicce subete.

 

Sènza parlò vogghje sdradecamme e scappò

ma, m’arrecùorde ca nan pùozze.

 

U terrène me mange a picche a picche

la paghìure me pigghje ma,

pe’ fertìune m’arrecùorde d’èsse nu fiàure de carte

e nan pùozze meréje.

 

Mò capisce re resòte d’attàneme.

 Il fiore di carta

Mi ritrovo in un fiore di carta/ forte e colorato.// Sono piantato nella terra/ davanti alla tomba di mio padre/ che si sta scompisciando dalle risate.// Gli domando:”perché ridi?”/ e lui smette immediatamente.// Senza parlare vorrei sradicarmi e scappare/ ma, mi accorgo che non posso.//Il terreno mi ingoia a poco a poco/ il terrore mi assale ma,/ per fortuna ricordo di essere un fiore di carta/ e non posso morire.// Ora capisco le risate di mio padre.

 da Tretippe e Martidde (PerroneLab ed. Rome 2009); (ripubblicato da SECOP edizioni Corato 2016)

***

Pertiuse e bettiune

 

Accatte pertiuse d’aure

e me rediuche in povertò

 

m’appuonde bettiune de cartone

e guarde dall’alta vanne

 

poveridde e all’aniute

spicce de chiange

 

ma, la scernote però nan spicce dò

e u timbe tremuaisce

 

me sponde le bettiune d’aure

e me vìénne le pertiuse de cartone.

 Asole e bottoni

Compro asole d’oro/ e mi riduco in povertà// aggancio i bottoni di cartone/ e distolgo lo sguardo// povero e nudo/ smetto di piangere/ ma, la giornata però non finisce qui/ e il tempo rabbrividisce// sgancio i bottoni d’oro/ e rivendo le asole di cartone.

 da Poésìa sparse e sparpagghjote (CFR edizioni, Piateda 2013)

 ***

 U fritte miste

 

L’invasione de le cinise è a re purte.

 

Ne vène de candò: mamme le turche.

 

Ma cè razze d’idèe, so turche o so cinise?

 

La tortiure è cinèse, l’invasione è turche

e ad-acchessèi omme puste a poste la stuorie.

 

… però, mo ca ‘nge pìénze,

a maiche me piosce u fritte miste

cu le pisce ca se mìésckene e r’idèe ca so confiuse.

Il fritto misto

L’invasione dei cinesi è alle porte.// Ci viene da cantare: mamma li turchi.// Ma che razza di idea, sono turchi o cinesi?// La tortura è cinese, l’invasione è turca/ e così abbiamo messo a posto la storia.//… però, ora che ci penso,/ a me piace il fritto misto/ con i pesci che si mescolano e le idee che son confuse.

 da Poésìa sparse e sparpagghjote (CFR edizioni, Piateda 2013)

 ***

 Assalìute la museche pote.

 

Le sune, sénz’armonèje

sùonene de cchiue.

 

La fandasèje nasce dalla panze

e nan se pènze ad alte.

 

U godemìénde è assè.

 

La recchìézze de la museche

aumìénde de spéssòre

e sparìéscene le fastìdie.

 

Prevòte ad abbuò acchessì ilte

ed è sechìure ca u paravèise stè da vecèine.

Solo la musica può.// I suoni privi d’armonia/ suonano di più.// La fantasia nasce dalla pancia/ e non si pensa ad altro.// Il godimento è tanto.// La ricchezza della musica/ aumenta di spessore/ e scompaiono i fastidi.// Provate a volare così alto/ ed è sicuro che il paradiso è lì vicino.

da Tretippe e Martidde 2.0 (SECOP edizioni Corato 2015)

 ***************************************************

Note Critiche

Nota

Di Mastropirro colpisce la visceralità della parola, secca e tagliente, la sua attenzione al corporeo e al basso, quasi fosse essa stessa a seminare un’infezione, ad innescare un processo di decadenza del corpo mescolato ad un senso di colpa che quasi geneticamente risiede nella terra, nelle viscere. L’io vive una trasformazione biologica e nello stesso tempo la mente è destinata alla demenza. Solo il ricorso alla musica sembra poter lenire il dolore, tramutandolo in un ritmo interstiziale che spezza il malessere.

Luigi Metropoli

Nota

L’immediatezza del dialetto, nella poesia di Vincenzo Mastropirro, in questa breve silloge si piega docilmente alle esigenze del surreale che fa da sfondo al filo della memoria degli affetti severi, della natura profanata, del senso di colpa che, quasi sistematicamente (illuminante è il reiterato “colpa maie”) accompagna la contemplazione e il sogno. Il risultato, sul piano dei contenuti e della forma, è certamente notevole, come capacità di toccare corde di difficile arpeggio.

Mario Narducci

Nota

Capita sempre più raramente di leggere testi di questo spessore, capaci di ingenerare a ogni approccio un coinvolgimento emotivo e intellettuale tanto profondo e “radicale”.

(…) Sembra di vedere in atto in tutta l’opera, attraverso il rovesciamento dell’ottica cara ad Albino Pierro e alla tradizione dialettale che a lui si richiama (tutta tesa a precostituire, in funzione “soterica”, un universo dove il fluire del tempo si arresta e le immagini si ritagliano il senza-luogo di una condizione archetipica, esemplare), una lingua che si insegue, che vive e palpita e che, in ognimomento, si incunea nelle immagini per impedire loro qualsiasi stasi, qualsiasi quiete appagante.

Francesco Marotta

 

Nota al Premio Turoldo 2008 (2° premio)

Per condurre l’energia viscerale dialettale con maturità, austerità,
pulsione terragna, rendendo il dialetto di Ruvo di Puglia uno strumento intensamente efficace. La sonorità raggiunge qualità notevoli affiancando un’attenzione profonda per l’interiorità lavorata, e la salute compromessa della (madre) terra amata. Consapevolezza, ascolto e fierezza segnano il ritratto di questo autore.

Anna Maria Farabbi

…dalla prefazione a Poesia sparsa e sparpagliata (2013)

Una poesia di una eleganza dimessa, ma estremamente fine, non aliena da ironia o atteggiamento burlesco o velenoso, una poesia disseminata di elementi di pura  quotidianità e pronta a registrare rabbie o risentimenti, turbamenti ed emozioni propri di chi è profondamente ed ironicamente sentimentale come Vincenzo Mastropirro.

Nicola Pice

…dalla prefazione a Timbe-condra-Timbe (2016)

Timbe-condra-Timbe offre al lettore spunti ed elementi di riflessione e di consapevolezza attraverso una proposta non ovvia, non convenzionale, e tuttavia affidata sempre a una parola comunicativa, chiara e intellegibile. Non sono molti i poeti, specie tra i neo-dialettali delle ultime generazioni, che oggi raggiungono gradi di pensiero elevati non perdendo mai di vista la congruità e, ci sia concesso, la bellezza non scontata e sempre strutturata della scrittura in versi: pensiamo a Emilio Rentocchini, a Fabio Franzin, a Edoardo Zuccato; e, tra questi, senza se e senza ma, inseriamo volentieri Vincenzo Mastropirro.

Manuel Cohen

Tretippe e Martidde è un libro scritto nel dialetto di Ruvo di Puglia. Sembrerebbe incomprensibile in tempo di globalizzazione scrivere un libro in un dialetto parlato da meno di 30.000 persone se Mastropirro non si fosse posto per questa via l’obiettivo di recuperare scampoli di vita familiare, di discorsi con la madre, di radici sommerse, che altrimenti sarebbero andati perduti. Il poeta ha capito che per fare questo bisognava abbandonare l’italiano, incapace  di aderire ai suoni, alla dolcezza, al colore della fanciullezza. Sono nate cosi immagini vividissime di un mondo feroce e felice, a metà tra fiaba e incubo,  svincolate dalle accademie, dalla ricostruzione colta e affabulatoria, ma fondamentalmente artificosa che la lingua italiana avrebbe finito per imporgli.

Renato Fiorito

La lingua “ruvese” riallaccia la vita alle sue fonti energetiche originarie, con ironia e commozione, lontano da intenti etnografici o diletti popolareschi. Oscilla, al minimo, tra la forza del grammelot, e, nei punti più alti, la potenza di una neo-lingua. Vincenzo Mastropirro è un domatore di canzoni (U domatore de canzòne). Prima di essere poeta, egli è un musicista. Ecco perché i suoi versi poetici andrebbero ascoltati, e senza bisogno di traduzione. Se ne coglierebbe subito la prima qualità, l’essere tridimensionali, sonori, appunto.  E’ dunque una poesia plurisensoriale, prima e al di là di ogni riflessione linguistica e semantica sull’uso del dialetto. Acchessèi nasce/  u sune de l’aneme./ M’assòlve pe chere ca so/ e nan dèiche ‘cchjù nudde./ U gedizìe spètte a viue (Così nasce/ il suono dell’anima./ Mi assolvo per quel che sono/ e non dico più niente./ Il giudizio spetta a voi).

Pasquale Vitagliano

 Lì dove i grandi poeti dialettali non fanno altro che enunciare il tema e aspettare che sia lo stesso tema a dispiegare la propria carica poetica, le poesie di Mastropirro mancano talvolta di tale pudore, e possiedono già in sé la risposta: una forte carica simbolica viene sì applicata al quotidiano, ma servita già pronta al lettore come metafora dell’esistenza. Dal mio punto di vista questo può essere un errore, lì dove la poesia rischia di diventare didascalica, ovvero di non prendere mai completamente il volo, dove non si fa scoperta ma lezione o motto, o dove non è adeguatamente supportata dalla suddetta carica autoironica. Altre volte, invece – e lì è la poesia di Mastropirro – trova i suoi esiti più alti e i suoi versi si venano di uno svagato surrealismo tutto venato di sarcasmo, pena o divertita dolcezza: il poeta dimentica di essere vate e pensa esclusivamente a divertirsi, come in U capebanne (Il capobanda) che ricorda certe atmosfere del primo Tonino Guerra, o nella stupenda Pertiuse e bettiune (Asole e bottoni).

Antonio Lillo

 Il ruvese e Ruvo sono officina, osservatorio e punto di partenza per portare lo sguardo acuto e la lingua che si oppone alla vulgata,  questa sì sonnecchiante e appagata,  in altri luoghi, immaginari e reali, a smascherare, a denunciare, come avviene nel componimento L’arie, che racconta di Taranto e della sua aria appestata‘mbracedèite, “infradiciata”.

Anna Maria Curci

 

Sito ottimizzato per Mozilla FirefoxCSS ValidoXHTML Valido
Sito creato da Francesco Catino